Standard urbanistici tra passato e futuro

Codice corso

2104

CFP

8

Data inizio

11/03/20

Dove

Webinar

Scadenza iscrizioni

09/03/20

Il ruolo dello spazio pubblico per rigenerare la città contemporanea

In oltre cinquant’anni di applicazione del DM 1444/68, architetti e urbanisti non hanno mai smesso di dibattere degli standard con accenti e intensità diverse; il provvedimento ha definito quei rapporti minimi inderogabili di spazi per i servizi pubblici e per la qualità insediativa che hanno caratterizzato, con esiti diversificati nelle diverse realtà urbane, crescita e modificazione urbanistica delle città.

Attraverso l’analisi della normativa vigente in Piemonte, lo studio di progetti specifici e la considerazione delle prospettive di riforma nazionale, il corso si pone l’obiettivo di ragionare attorno al piano e al progetto urbano, alle norme e alle regole per la produzione di spazi, servizi e attrezzature pubbliche o private di interesse collettivo per la città contemporanea; saranno individuati modi e forme di una necessaria ri-concettualizzazione degli standard, nella prospettiva della rigenerazione complessa della città.

Il corso, precedentemente previsto in modalità frontale, è stato riproposto in modalità webinar in risposta all’emergenza sanitaria Covid-19.

I CFP sono riconosciuti anche a ingegneri e geometri secondo il proprio regolamento.

Programma

Il corso, precedentemente previsto in modalità frontale, è stato ricalendarizzato e proposto in modalità webinar in risposta all’emergenza sanitaria Covid-19.

Mercoledì 11 marzo e mercoledì 18 marzo 2020 ore 9.00-13.00

Modalità webinar

  • Apertura del corso: bilanci, attualità e prospettive degli standard urbanistici
    Il diritto alla città: dopo 50 anni, ripartire dal progetto di spazi e attrezzature pubbliche
    Lo spazio pubblico come telaio per azioni di rigenerazione urbana
    Carolina Giaimo, architetto, PhD, professore associato di Urbanistica, Politecnico di Torino
  • La normativa piemontese per gli standard urbanistici tra passato e futuro
    Dalla Lr 56/1997 alla Lr 16/2018
    Prospettive di riforma regionale (ddl 302/2018) e nazionale (Gruppo di lavoro MIT 2019)
    Guido Baschenis, architetto, funzionario Settore Territorio e Paesaggio Regione Piemonte
  • Strumenti, metodi e progetti per l’attuazione del piano e degli standard urbanistici
    Perequazione urbanistica e territoriale
    Standard, opere e oneri di urbanizzazione
    Carlo Alberto Barbieri, architetto, presidente INU Piemonte e VdA, già professore ordinario di Urbanistica, Politecnico di Torino
  • Pianificare e progettare lo spazio pubblico della città contemporanea: verso una transizione ecologica sostenibile
    Il ruolo strutturante del verde. Prati, giardini, alberi e boschi: dalla quantità alla qualità
    Appalti verdi e CAM
    Carolina Giaimo, architetto, PhD, professore associato di Urbanistica, Politecnico di Torino
  • Standard urbanistici e valutazioni ambientali
    Oneri di urbanizzazione versus opere di compensazione
    Alessandra Penna, ARPA Piemonte – Dipartimento Territoriale Piemonte Nord Ovest
  • Il Piano strategico del Verde del Comune di Torino
    Quale strategia per lo spazio verde degli standard
    Simone Mangili, libero professionista, staff Assessorato Ambiente, Comune di Torino
  • Gli standard urbanistici nel Prg di Torino
    Regole operative per la progettazione urbanistica di ZUT e ATS
    Casi studio
    Giacomo Leonardi, architetto, responsabile Coordinamento – Pianificazione Urbanistica e Attuazione PRG, Comune di Torino
  • Modalità operative per reperimento e progettazione degli standard
    Due casi di PRG del territorio metropolitano
    Carlo Alberto Barbieri, architetto, presidente INU Piemonte e VdA, già Professore Ordinario di Urbanistica, Politecnico di Torino

Quota di iscrizione

€ 132,00 esente iva (art. 10 DPR 633/1972)

Le aziende e gli enti che iscrivono allo stesso corso più di 3 dipendenti possono usufruire di uno sconto del 10% sul costo imponibile della quota. Per gruppi con più di 5 dipendenti lo sconto è del 20%. Per informazioni scrivici via mail.

Scadenza iscrizioni: il termine del 13/02/20 è prorogato al 09/03/20

Modalità di iscrizione

Procedura on-line con pagamento a mezzo carta di credito o bonifico bancario in via differita.
Accesso dal bottone “iscriviti”.

Le Pubbliche Amministrazioni all’atto di iscrizione dovranno scegliere alla voce “Dati di fatturazione” la dicitura “Dipendente”. Il sistema invierà una mail con le istruzioni per l’inoltro della determina/autorizzazione di impegno di spesa da parte dell’ente.

Riconoscimento

8 CFP per architetti
CFP per ingegneri e geometri secondo il proprio regolamento.
Frequenza minima obbligatoria per l’attestato:
– 80% per architetti e geometri
– 90% per ingegneri

Durata e sede

8 ore
Online via webinar

Accessibilità

Aperto a tutti. CFP per architetti, ingegneri e geometri

Attivazione/Rinunce

In caso di mancata attivazione dell’evento formativo o in seguito a rinuncia comunicata via mail entro la scadenza originaria, la quota versata verrà rimborsata

Referenza scientifica

INU – Istituto Nazionale di Urbanistica, Sezione Piemonte e VdA – Carolina Giaimo