Processo Lingotto. Un caso studio sul riuso industriale – II edizione

Codice corso

30635

CFP

4

Data

21/09/17

Dove

Pinacoteca Agnelli, via Nizza 230/103, Torino

Scadenza iscrizioni

19/09/17

Discostandosi da una logica puramente culturalista della “questione Lingotto”, l’incontro intende sottolineare temi e problemi di un processo di riqualificazione che i professionisti, nella loro quotidianità, possono trovarsi ad affrontare o hanno affrontato.

Lo strumento di indagine sarà il Lingotto: l’edificio e l’area circostante, materializzazione fisica di una serie di processi, industriali prima, di cantiere e di fruizione poi, possono essere utilizzati per individuare temi comuni del riuso di manufatti industriali (WUK e Sargfabrik Housing a Vienna; Cable Factory a Helsinki; Point Ephémère e La casa dei giornalisti a Parigi; Kulturbrauerei e UfaFabric a Berlino; Cotonificio Spinnerei a Lipsia; Kokerei Zollverein a Essen; Chocolate Factory a Londra; Farnham Maltings a Farnham; Cerc a Luton; Tramway a Glasgow; Fire Station a Dublino; Westergasfabriek a Amsterdam; Rog a Lubiana; Ateneo Popular e Hangar a Barcellona; Matadero a Madrid).

Programma

Giovedì 21 settembre 2017, ore 14.00-18.00
Pinacoteca Agnelli

Via Nizza 230/103, Torino

Prima parte
Biblioteca della Pinacoteca Agnelli: dalla fabbrica al progetto del centro multifunzionale
Breve lezione che percorre le trasformazioni dell’edificio, mettendo l’accento sulle questioni aperte dalla riqualificazione

  • questioni urbane di collegamento con varie parti della città
  • questioni di creazione di immaginari e legittimazioni del progetto da parte dei suoi promotori e da parte dei progettisti
  • questioni procedurali: il cantiere, difficoltà e potenzialità

Seconda parte
La Pista, lo Scrigno, la Bolla, il Giardino delle Meraviglie): visita del Lingotto a cura dei mediatori museali della Pinacoteca Agnelli incentrata sulla storia del manufatto e sulla collezione permanente racchiusa nello Scrigno di Renzo Piano.

Parte terza
Aula Magna del Politecnico di Torino): a partire dai temi individuati nella prima parte della lezione e dall’esperienza dei risultati del processo di riqualificazione, si passerà all’analisi di casi simili. Apertura del dibattito caso per caso, durante il quale i partecipanti potranno ampliare i temi critici (perché stimolati dalla visita o dalla loro esperienza personale) e raccogliere impressioni e risposte.

Relatori
Giovanni Comoglio, architetto e dottorato in Storia dell’Architettura e dell’Urbanistica
Lucia Baima, architetto e dottorando in Architettura Storia e Progetto

Materiale didattico
Rassegna critica/bibliografia in formato .pdf

Quota iscrizione

Iscritti OAT e Amici Fondazione (scopri chi sono):
€ 15 + iva = € 18,30

Altri partecipanti:
€ 18 + iva = € 21,96

Per tutti i partecipanti è previsto inoltre un contributo di €10 per il biglietto di ingresso alla Pinacoteca.

Scadenza iscrizioni: la scadenza del 07/09/17 è stata prorogata al 19/09/17

Modalità iscrizione

Procedura on line con pagamento a mezzo carta di credito o bonifico bancario in via differita.
Accesso dal bottone “iscriviti” in alto.

Le Pubbliche Amministrazioni, se esenti IVA, potranno procedere al pagamento dell’importo al netto IVA a mezzo bonifico; nel caso in cui non fosse possibile effettuare il pagamento anticipato, all’atto di iscrizione scegliere comunque la modalità pagamento “a mezzo bonifico”. La procedura inoltrerà via email un documento contenente le istruzioni per inoltrare la copia del bonifico. In sostituzione di tale documento allegare all’iscrizione la determina/autorizzazione di impegno di spesa da parte dell’ente.

Riconoscimento

Attestato per frequenza minima obbligatoria per il 100% del monte ore complessivo. 4 CFP per gli architetti

Durata e sede

4 ore
Pinacoteca Agnelli
Via Nizza 230/103, Torino

Accessibilità

Aperto a tutti. CFP solo per architetti

Referenza scientifica

Civico13 architetti associati
Andrea Lorenzon, architetto

Attivazione/rinunce

In caso di mancata attivazione del corso o in seguito a rinuncia comunicata in forma scritta entro la scadenza originaria del corso, la quota versata verrà rimborsata.