La direzione dei lavori

Codice corso

1779

CFP

16

scadenza iscrizioni

06/03/17

Dove

Via Giolitti 1, sede OAT

Quando

7 marzo 2017

Garante degli aspetti tecnici e della condotta delle varie figure coinvolte nel processo costruttivo, il Direttore dei Lavori riveste un ruolo fondamentale nel determinare la qualità finale dell’opera pubblica e privata. Il quadro normativo italiano (recentemente riarticolato dal Codice dei contratti pubblici e dalle modalità contenute nelle Linee guida dell’ANAC), canone imprescindibile per i lavori pubblici, ma anche riferimento metodologico per i lavori privati, pone gli attori del processo edilizio nelle condizioni di doversi muovere all’interno di un coacervo di disposizioni di non semplice e immediata lettura, già oggetto di molteplici e contrastanti interpretazioni, rese oggi ancor più difficoltose dall’indeterminatezza delle nuova disciplina.
Il corso prende in esame diversi aspetti dell’incarico di Direzione Lavori nell’ambito di appalti dalle caratteristiche tra loro differenti, sia in termini di importo lavori, sia di tipologia contrattuale e vuole offrire ai professionisti che operano in questo campo uno strumento di riferimento per le diverse fasi di esecuzione dell’appalto, indicando analogie e differenze tra lavori pubblici e privati definendo le competenze dei singoli operatori e le procedure che devono essere adottate.

Programma

Martedì 7 marzo 2017 ore 13.30-17.30

Francesco Campobasso, architetto – libero professionista
Gli atti e degli adempimenti del direttore lavori.
Adempimenti tecnici e amministrativi previsti dal Codice dei contratti e dalle Linee guida ANAC – con riferimento anche al “vecchio” Regolamento – in relazione alle varie fasi temporali dell’appalto, dalla verifica preliminare del progetto all’assistenza al collaudo.

Roberto Fraternali, architetto – libero professionista
Il sistema di gestione della fase esecutiva dei lavori.
L’ufficio della Direzione Lavori: attività e funzioni del Direttore dei Lavori e i suoi assistenti (Direttori Operativi e Assistenti di cantiere), relativamente alle azioni di controllo durante i lavori: corrispondenza qualitativa, geometrica e dimensionale delle lavorazioni e dei materiali alle indicazioni dei documenti contrattuali. Gli ordini di servizio: stesura dell’ordine di servizio, validità delle istruzioni impartite, obblighi dell’appaltatore.
Esame di un caso di studio con intervento dei partecipanti al corso.

Martedì 14 marzo 2017 ore 13.30-17.30

Alessandro Giustetto, ingegnere – libero professionista
Aspetti contabili.
Nozioni e finalità della contabilità di cantiere, appalti a corpo e appalti a misura.
I documenti contabili: modalità di tenuta dei documenti previsti dalla normativa durante l’appalto e fino alla liquidazione finale.
Riferimenti circa l’opportunità che la contabilità lavori sia svolta con nuovi strumenti elettronici come previsto dalla specifica Linea Guida ANAC.

Roberto Fraternali, architetto – libero professionista
Varianti.
Quadro normativo – Tipologie di varianti in corso d’opera.
Adempimenti amministrativi: la redazione della perizia di variante e suppletiva.
Ulteriori aspetti particolari delle varianti in corso d’opera, esemplificazioni.

Martedì 21 marzo 2017 ore 13.30-17.30

Domenico Corio, ingegnere – libero professionista
Le controversie negli appalti pubblici e i confronti critici nei lavori privati.
Parallelo di quanto si esplicita normalmente in ambito pubblico e quanto si rappresenta in ambiti privati in cui la “pratica”, proprio perché gestita in modo più sfumato, assume perimetri meno netti e richiede un esercizio professionale più semplificato e meno rigoroso interpretando in modo più libero e personalizzato gli eventi e i nodi critici rispetto al riferimento metodologico di ordine pubblico.
Disciplina generale delle riserve: le modalità di formulazione delle domande, atti idonei per l’iscrizione, controdeduzioni del direttore dei lavori.
La risoluzione non contenziosa delle riserve: accordo bonario, collegio, accordi transattivi, risoluzione delle riserve.

Francesco Campobasso, architetto – libero professionista
Nuovi strumenti per la Direzione Lavori.
Utilizzo di piattaforme elettroniche nel rispetto delle indicazioni contenute nel Codice degli Appalti e nelle Linee Guida ANAC oltre che dal Codice dell’Amministrazione Digitale.
Adeguamento delle attività dell’ufficio di Direzione Lavori derivanti dall’introduzione nel processo di progettazione, programmazione e realizzazione di metodologie BIM: un nuovo approccio che richiede una specifica formazione e nuove opportunità professionali.

Martedì 28 marzo 2017, ore 13.30-17.30

Simona Rostagno, avvocato – libero professionista
Aspetti giuridici legati all’operato professionale del Direttore dei lavori e alla conduzione del contratto.
La figura della direzione lavori: responsabilità civile o penale, prescrizione dell’azione di responsabilità, cause di forza maggiore, responsabilità del progettista, responsabilità per la verifica preliminare del progetto, responsabilità per la contabilità lavori, direttore dei lavori “incaricato di pubblico servizio” o “pubblico ufficiale”.
Esercitazione pratica in gruppi di lavoro.
General case story – simulazione di una fattispecie in cui inserire tutti gli spunti affrontati e analisi generale del complesso degli aspetti trattati.
Special Case – simulazione di una fattispecie centrata su uno dei temi affrontati dalle lezioni e su un caso tematico specifico.

La Fondazione per l’architettura / Torino si riserva la facoltà di variare le date di programma del corso; ogni variazione verrà comunque prontamente segnalata ai singoli partecipanti.

Quota di iscrizione

Iscritti OAT e Amici Fondazione (scopri chi sono): € 220 + IVA = € 268,40
Altri partecipanti: € 260 + IVA = € 317,20

SCADENZA ISCRIZIONI: 16/02/17
prorogata al: 06/03/17

Modalità di iscrizione

Procedura on-line con pagamento a mezzo carta di credito o bonifico bancario in via differita.
Accesso dal bottone “iscriviti”.

Le Pubbliche Amministrazioni, se esenti IVA, potranno procedere al pagamento dell’importo al netto IVA a mezzo bonifico; nel caso in cui non fosse possibile effettuare il pagamento anticipato, all’atto di iscrizione scegliere comunque la modalità pagamento “a mezzo bonifico”. La procedura inoltrerà via email un documento contenente le istruzioni per inoltrare la copia del bonifico. In sostituzione di tale documento allegare all’iscrizione la determina/autorizzazione di impegno di spesa da parte dell’ente.

Riconoscimento

Attestato per frequenza minima obbligatoria del 100% del monte ore complessivo. 16 CFP per gli architetti.

Durata e sede

16 ore
Sede OAT
Via G. Giolitti 1, Torino

Accessibilità

Aperto a tutti. CFP solo per architetti

Referenza scientifica

Francesco Campobasso

Attivazione/Rinunce

In caso di mancata attivazione del corso o in seguito a rinuncia comunicata in forma scritta entro la scadenza originaria del corso, la quota versata verrà rimborsata.