Il collaudo statico e tecnico-amministrativo

Codice corso

2010

CFP

12 (di cui 4 valevoli anche ai fini della deontologia)

Data inizio

07/05/19

Dove

Sede OAT

Scadenza iscrizioni

05/05/19

Obiettivo del corso è definire le figure del collaudatore tecnico-amministrativo e del collaudatore statico in corso d’opera. Si analizzeranno gli aspetti normativi e procedurali ed esempi pratici, anche alla luce delle novità normative (Codice degli Appalti, D.Lgs. 50/16 aggiornato con DL 44/16 e Aggiornamento delle Norme tecniche per le costruzioni DM 17/01/18).
In ultimo, saranno analizzati sia gli aspetti deontologici che giuridici correlati al collaudo e più specificamente alla possibile configurazione del reato di Falso.

Coloro che fossero interessati alla sola iscrizione al modulo della responsabilità del collaudatore, valevole ai fini della deontologia per la formazione obbligatoria degli architetti, potranno iscriversi attraverso il seguente link a partire dal 04/04/2019 (fatta salva l’attivazione del corso completo).

Programma

Sede Ordine Architetti Torino
Via Giovanni Giolitti 1, Torino

Martedì 7 maggio 2019 ore 13.30-17.30

Presentazione del corso, La figura del collaudatore Tecnico Amministrativo e del collaudatore statico, Interventi per i quali è richiesto il collaudo statico. La revisione dei calcoli. L’imparzialità del collaudatore statico secondo il testo unico per l’edilizia ed incompatibilità. del collaudatore statico con le altre figure professionali. Riferimenti normativi.
Corrado Godio, architetto libero professionista, coordinatore del focus group Strutture

Quadro di riferimento normativo in ambito di lavori pubblici. Scopo e svolgimento del collaudo tecnico-amministrativo. La figura e la nomina del collaudatore tecnico-amministrativo.
Massimiliano Viarengo, architetto libero professionista, esperto di lavori pubblici

Martedì 14 maggio 2019 ore 13.30-17.30

Il contenuto del certificato di collaudo statico. Mansioni del collaudatore statico: esame del progetto, impostazione generale, schemi di calcolo, azioni di calcolo secondo le nuove norme tecniche per le costruzioni. Tipologie di intervento in edifici esistenti: adeguamento e miglioramento sismico, intervento locale o riparazione. Metodi di calcolo ed analisi per la determinazione delle azioni sismiche. Il controllo sui materiali.
La verifica delle opere strutturali realizzate o in corso. La valigetta del collaudatore.
Errori tipici che si possono presentare nell’esecuzione delle opere da tenere in considerazione: strutture in C.A.; strutture in Acciaio (verifica delle saldature, bullonature e piastre); strutture in legno.
Corrado Godio, architetto libero professionista, coordinatore del focus group Strutture

Martedì 21 maggio 2019 ore 13.30-17.30
(modulo valevole ai fini della deontologia)

La responsabilità del Collaudatore statico e tecnico-amministrativo
Aspetti deontologici del collaudatore nei rapporti con le altre figure professionali. Rapporto con la Direzione Lavori. Rapporto con il RUP. Casi di violazione delle norme deontologiche nei rapporti fra le varie figure professionali.
Gustavo Gherardi, architetto libero professionista, presidente del consiglio di disciplina OAT

Aspetti legali e giuridici sulla responsabilità del collaudatore statico e Tecnico Amministrativo
Il falso: esempi di casi in cui si può configurare
Riccardo Ludogoroff, avvocato libero professionista, esperto in diritto amministrativo

Quota di iscrizione

€ 172,00 esente iva (art. 10 DPR 633/1972)

Le aziende e gli enti che iscrivono allo stesso corso più di 3 dipendenti possono usufruire di uno sconto del 10% sul costo imponibile della quota. Per gruppi con più di 5 dipendenti lo sconto è del 20%. Per informazioni scrivici via mail.

Scadenza iscrizioni: il termine del 03/04/19 è prorogato al 05/05/19

Modalità di iscrizione

Procedura on-line con pagamento a mezzo carta di credito o bonifico bancario in via differita.
Accesso dal bottone “iscriviti”.

Le Pubbliche Amministrazioni, se esenti iva, potranno procedere al pagamento dell’importo al netto iva a mezzo bonifico; nel caso in cui non fosse possibile effettuare il pagamento anticipato, all’atto di iscrizione scegliere comunque la modalità pagamento “a mezzo bonifico”. La procedura inoltrerà via email un documento contenente le istruzioni per inoltrare la copia del bonifico. In sostituzione di tale documento allegare all’iscrizione la determina/autorizzazione di impegno di spesa da parte dell’ente.

Riconoscimento

12 CFP (di cui 4 validi per l’obbligo deontologico) per architetti e ingegneri
Frequenza minima obbligatoria per l’attestato:
– 80% per architetti
– 90% per ingegneri

Durata e sede

12 ore
Sede Ordine Architetti Torino
Via Giovanni Giolitti 1, Torino

Accessibilità

Aperto a tutti. CFP per architetti e ingegneri

Attivazione/Rinunce

In caso di mancata attivazione dell’evento formativo o in seguito a rinuncia comunicata via mail entro la scadenza originaria, la quota versata verrà rimborsata

Referenza scientifica

Focus group OAT Strutture