Carlo Mollino: i giovedì in CAMERA

Codice corso

30765-9

Numero crediti

2 a incontro + 1 per la mostra

Data inizio

25/01/18

Dove

CAMERA, Torino

Scadenza iscrizioni

2 giorni dall’incontro

Per conoscere al meglio ogni sfaccettatura del genio di Carlo Mollino, CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia propone parallelamente alla mostra L’occhio magico di Carlo Mollino. Fotografie 1934-1973 (in programma dal 18 gennaio al 13 maggio e per cui è previsto il riconoscimento di 1 CFP aggiuntivo) una serie di incontri inseriti nel ciclo I giovedì in Camera.

In partenza il 25 gennaio, il ciclo prevede una serie di incontri tra cui l’appuntamento del 19 aprile Carlo Mollino architetto, proposto insieme alla Fondazione per l’architettura / Torino per concentrarsi sull’impegno di Mollino in qualità di progettista.

Grazie alla collaborazione tra Fondazione e CAMERA, le opere di Mollino Palazzo Affari e Teatro Regio diventeranno le tappe di un tour proposto in due date: sabato 21 aprile e sabato 5 maggio.

Programma

CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia
Via delle Rosine 18, Torino

Giovedì 25 gennaio 2018 ore 19.00-21.00
Carlo Mollino: l’archivio e le fotografie
Incontro cod. 30765
La mostra “L’occhio magico di Carlo Mollino” è interamente basata sul materiale conservato all’interno dell’archivio del Politecnico di Torino. L’Archivio Mollino è il protagonista di questo incontro, durante il quale sarà descritto in un percorso che alterna conferme e continue scoperte illuminate dal confronto con il presente.
Barbara Bergaglio, archivista CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia
Enrica Bodrato, referente per gli archivi storici, Politecnico di Torino
Michela Comba, ricercatore e professore di Storia dell’architettura, Politecnico di Torino
Sergio Pace, professore associato di Storia dell’architettura, Politecnico di Torino
Modera: Francesco Zanot, curatore della mostra L’occhio magico di Carlo Mollino. Fotografie 1934-1973

Giovedì 22 febbraio 2018 ore 19.00-21.00
Il Messaggio dalla Camera Oscura: il libro
Incontro cod. 30766
Il Messaggio dalla Camera Oscura (1949) è uno dei libri fotografici più straordinari mai usciti in Italia che propone una visione del tutto personale di questo linguaggio, ricca di approfondimenti, intuizioni e spunti internazionali: Man Ray , Manuel Alvarez Bravo, Eugène Atget, Brassaï, László Moholy-Nagy, Alfred Stieglitz, Edward Steichen, Edward Weston, Dorothea Lange…
Francesco Zanot, curatore della mostra L’occhio magico di Carlo Mollino. Fotografie 1934-1973

Giovedì 1° marzo 2018 ore 19.00-21.00
Tra rigore progettuale e gioco illusorio: fotografare l’architettura di Carlo Mollino
Incontro cod. 30767
Un incontro dedicato all’esperienza di Pino Musi, fotografo che da anni studia e interpreta Mollino. Il suo lavoro “Lo sguardo del demiurgo” è stato esposto nell’edizione di Paris Photo del 2007 e attualmente ha terminato una campagna di rilettura fotografica delle architetture molliniane.
Pino Musi, fotografo
Modera: Francesco Zanot, curatore della mostra L’occhio magico di Carlo Mollino. Fotografie 1934-1973

Giovedì 15 marzo 2018 ore 19.00-21.00
Carol Rama e Carlo Mollino: due amici, due mostre
Incontro cod. 30791
Carol Rama e Carlo Mollino: due amici dal carattere eccentrico e dalle predilezioni comuni che hanno sviluppato le rispettive arti di riferimento seguendo percorsi non convenzionali. A loro sono dedicate attualmente due mostre: quella di CAMERA dedicata a Carlo Mollino e quella presso la Galleria Sabauda in occasione di due importanti acquisizioni statali.
Cristina Mundici, curatrice
Maurizio Ternavasio, giornalista

Giovedì 22 marzo 2018 ore 19.00-21.00
Fulvio Ferrari racconta Carlo Mollino
Incontro cod. 30773
Fulvio Ferrari, protagonista della riscoperta di Mollino e della diffusione della sua opera in tutto il mondo, racconterà il “suo” Mollino, a partire dalle mostre degli anni Ottanta per giungere all’apertura del Museo Casa Mollino, l’affascinante ed enigmatico ultimo rifugio del maestro torinese.
Fulvio Ferrari, Casa Mollino
Modera: Walter Guadagnini, direttore CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia

Giovedì 5 aprile 2018 ore 19.00-21.00
Il nudo nella fotografia di Carlo Mollino
Incontro cod. 30768
Mollino pilotò aeroplani e automobili da lui stesso progettati; scrisse un romanzo, una guida sullo sci da discesa libera e un trattato di fotografia; disegnò mobili e interni, posate, abiti femminili, guanti e scarpe. Studiò rabdomanzia e astrologia. Non sorprende, quindi, che questo personaggio eclettico ed esagerato si sia lasciato alle spalle anche un ricco inventario erotico: migliaia di fotografie e Polaroid di nudi femminili. Un immaginario erotico caratterizza il corpus delle opere di Mollino, dalla planimetria a forma di corsetto del Teatro Regio di Torino (1965-1973) agli utensili che dovrebbero alludere a una (seppur molto stilizzata) anatomia femminile.
Flaminio Gualdoni, critico d’arte
Modera: Walter Guadagnini, direttore CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia

Giovedì 19 aprile 2018 ore 19.00-21.00
Carlo Mollino architetto
Incontro cod. 30769
Un incontro proposto in collaborazione con la Fondazione per l’architettura / Torino per indagare l’impegno e le esperienze di Mollino in qualità di architetto. Spaziando tra Torino e le Alpi, durante la serata si approfondiranno le architetture note e meno note realizzate da Carlo Mollino tra il 1933 e il 1973 in quasi 40 anni di attività professionale, dai piccoli progetti privati ai grandi edifici pubblici.
Laura Milan, storica di architettura
Sergio Pace, storico di architettura

Incontro annullato
Giovedì 10 maggio 2018 ore 19.00-21.00
Carlo Mollino designer: l’utopia nell’ambientazione
Incontro cod. 30774
Architetto, scenografo, fotografo, scrittore, pilota di aerei e di auto da corsa, Carlo Mollino è stato anche originale progettista d’interni e designer, realizzando quasi sempre pezzi unici, più simili a sculture che a veri e propri arredi. Profondamente affascinato dalla natura e dalle curve femminili, Mollino attinge spesso da questi mondi e ne fa proprie geometrie e linee sinuose, mescolandole con suggestioni fantastiche e letterarie. I suoi oggetti e i suoi mobili sono esposti al MoMA di New York e al Victoria & Albert Museum di Londra.
Marco Rainò, architetto, designer e curatore indipendente
Modera: Walter Guadagnini, direttore CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia

Quota iscrizione

€ 15 iva inclusa, comprensiva del biglietto di ingresso all’incontro (€ 3)

In caso di registrazione in sede di evento il biglietto di ingresso all’incontro (€ 3) viene pagato direttamente in biglietteria a CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia. Per i restanti € 12 iva inclusa i partecipanti saranno contattati dagli uffici della Fondazione per il saldo e quindi per il rilascio dei crediti.

Scadenza iscrizioni: a 2 giorni dall’inizio dell’incontro

Modalità iscrizione

Procedura on-line con pagamento a mezzo carta di credito o bonifico bancario in via differita.
Accesso dai bottoni “iscriviti” in alto.

Le Pubbliche Amministrazioni, se esenti IVA, potranno procedere al pagamento dell’importo al netto IVA a mezzo bonifico; nel caso in cui non fosse possibile effettuare il pagamento anticipato, all’atto di iscrizione scegliere comunque la modalità pagamento “a mezzo bonifico”. La procedura inoltrerà via email un documento contenente le istruzioni per inoltrare la copia del bonifico. In sostituzione di tale documento allegare all’iscrizione la determina/autorizzazione di impegno di spesa da parte dell’ente.

Riconoscimento

Attestato per frequenza minima obbligatoria per il 100% del monte ore complessivo.
Per gli architetti sono previsti 2 CFP  a incontro + 1 CFP per la visita alla mostra

Il credito per la visita alla mostra è singolo e può essere riconosciuto solo una volta. La richiesta deve essere presentata dall’architetto attraverso la procedura di autocertificazione su piattaforma iM@teria.

Durata e sede

2 ore a incontro
CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia
Via delle Rosine 18, Torino

Accessibilità

Aperto a tutti. CFP solo per architetti

Attivazione/rinunce

In caso di mancata attivazione del corso o in seguito a rinuncia comunicata in forma scritta entro la scadenza originaria del corso, la quota versata verrà rimborsata.

Referenza scientifica

Francesco Zanot, curatore della mostra L’occhio magico di Carlo Mollino. Fotografie 1934-1973
Walter Guadagnini, direttore CAMERA – Centro Italiano per la Fotografi